Articoli

Dov’è colui che è nato?

Sabato 16 dicembre i ragazzi delle medie dell’Oratorio Santissima Trinità hanno partecipato al ritiro d’Avvento, di un’intera giornata, dal titolo “Dov’è colui che è nato?”.

In ricerca come i magi

Al mattino i ragazzi hanno riflettuto sul modo in cui ciascuno di noi vive il natale andando anche a intervistare alcune persone per Settimo: i ragazzi nelle interviste hanno chiesto ai passanti come avrebbero passato le feste, cosa avrebbero fatto e con chi, ma soprattutto qual è lo stato d’animo con cui vivono la nascita di Cristo.
Sì è dunque poi ragionato su ciò che era emerso precedentemente confrontandolo con le risposte ottenute. I ragazzi hanno compreso che il Natale non è solo una ricorrenza qualsiasi ma è un momento per riscoprire i veri valori cristiani e ricordarsi che Dio si è fatto uomo.

Incontrando un testimone

Nel pomeriggio invece è venuto a trovarci Giancarlo ministrante della Parrocchia Santa Maria per raccontarci la sua lunga esperienza a servizio della Chiesa e di come lui incontri e viva ogni giorno Dio in ciò che fa.
In seguito i ragazzi hanno letto in una lettera la testimonianza di Daniele, un ragazzo giovane che ha deciso di intraprendere un percorso per diventare prete, che ha raccontato ai ragazzi cosa è per lui il Natale: riconoscere che Dio si fa presente in mezzo a noi, come uno di noi; e di come l’incontro con Dio gli abbia cambiato la vita.

In attesa del vero Natale

Singolarmente ci si è interrogati sul modo in cui Gesù ha a che fare con le nostre vite e come può renderle migliori, più belle.
Se guardassimo a quella capanna dove Gesù è nato e se pensassimo che quel Dio rimane con noi in ogni momento, allora ogni giorno saremmo più buoni, non solo a natale, perché ogni giorno vivremmo con lui. Bisogna ricercare in ognuno di noi il desiderio di felicità che solo Dio è capace di soddisfare, un desiderio di un “ per sempre” che in nessun altro modo, se non con lui, sarebbe stato possibile vivere.
Come ricordo dell’unione tra Dio e l’uomo è stato dato ai ragazzi un bracciale in regalo e la lettera della testimonianza di Daniele.
Il ritiro si è infine concluso con un momento di preghiera insieme a Don Stefano.

Andrea

Dov’è colui che è nato?

Ritiro per i ragazzi delle medie per l’avvento

Sabato 16 dicembre

Sarà una caccia al tesoro basata sulla domanda dei Magi: dov’è colui che è nato… i ragazzi alla fine arriveranno a capire che è possibile incontrare Gesù ogni giorno nella vita quotidiana ma soprattutto durante un appuntamento tutto speciale!

Il ritrovo sarà alle ore 10:00 presso l’oratorio e la conclusione è prevista per le ore 18:00

Nel pomeriggio ci sposteremo a piedi presso l’oratorio Santa Maria Madre della Chiesa

Per il pranzo vi chiediamo di contribuire con qualche dolce o delle bibite

La quota di partecipazione è di € 5,00.

LE AUTORIZZAZIONI E I SOLDI SONO DA CONSEGNARE AI PROPRI ANIMATORI

 

Campo medie 2016: un’autentica bellezza

Dal 10 al 16 luglio i ragazzi dalla 5 elementare alla 3 media degli oratori Santissima Trinità e Santa Maria sono partiti – accompagnati da noi animatori – per i consueti campi estivi con destinazione Muzzano, in provincia di Biella.

Siamo stati ospitati dalla casa dei Salesiani Don Bosco, un luogo accogliente e perfetto per trascorrere 6 giorni in armonia.

L’ambientazione del campo è stata basata sul film “Il Piccolo Principe”, da cui sono stati estratti i temi di ogni giorno, temi che hanno aiutato ragazzi e animatori a crescere e a comprendere cosa davvero è essenziale nella vita: non gli oggetti, i videogiochi, apparire nei social, ma semmai le persone che ci stanno accanto, gli affetti, la famiglia e in ultimo non certamente per importanza, il Signore, colui che davvero ci ha insegnato ad Amare veramente, senza calcoli, senza interesse. L’amore, quello vero non si vede, è difficile da raccontare ma lo si può rendere concreto, reale e presente nella nostra vita e in chi ci sta accanto.

Tante sono state le attività che abbiamo fatto noi animatori insieme ai ragazzi, alcune riguardanti la riflessione altre il gioco, ma nulla è paragonabile al legame che si instaura con loro, vivere 24 ore su 24 con dei ragazzi che a mala pena si conoscono per le poche ore passate insieme all’oratorio o addirittura non si conoscono proprio perché di un altro oratorio. Tutto questo è un qualcosa di bello e allo stesso tempo indescrivibile.

Non nego che io, come animatrice, avevo un po’ di timore nel partire per i campi, essendo la prima esperienza, ma ciò che ti viene donato in questa avventura non è paragonabile ad un semplice ritiro o al Grest; si vivono molte emozioni, troppe ed è un’esperienza che ti toglie il fiato. Anche il fatto di dover collaborare con altri animatori di un altro oratorio poteva apparire come un ostacolo in questa avventura, ma così non è stato, anzi semmai è stata una una splendida opportunità per conoscersi, imparare ed infine per crescere insieme.

Siccome il tema cardine era la bellezza, per me la bellezza sono quei bambini e ragazzi che, ognuno nel proprio pianeta, come il piccolo principe, riescono a creare un universo completo, ricco e spettacolare, segno della grandezza di Dio!

Grazie veramente a tutti per aver reso questa esperienza tale come lo è stata!

Arrivederci è a sabato 17 settembre per continuare a crescere insieme CIRCOndati di GIOIA!

Sara