CercavAMO Te – UP28

CercavAMO Te

Lunedì 17, alle ore 20.30 i gruppi adolescenti, accompagnati dai loro educatori e dai loro parroci, si sono ritrovati, presso la parrocchia Santa Maria Madre della Chiesa, per incontrare l’Arcivescovo, o meglio, è proprio lui, Cesare Nosiglia, che ha chiesto di incontrare i ragazzi e ragazze delle varie realtà settimesi.

A condurre la serata è stato Don Luca Ramello, direttore dell’Ufficio per la Pastorale dei Giovani e dei Ragazzi dell’Arcidiocesi di Torino, accompagnato dai volontari della pastorale giovanile.

La serata è stata aperta da un momento di animazione con canti e balli. Successivamente è stato presentato un cortometraggio che ha visto protagonisti due giovanissimi, Marta e Alex, che hanno raccontato la loro storia attraverso foto e post su Instagram, uno dei social più gettonati tra gli adolescenti, una serie di scatti che racchiudevano emozioni, stati d’animo, domande e dubbi tipici degli adolescenti. Un video realizzato per aiutare i giovanissimi ad interrogarsi circa i loro il desideri, per porsi qualche domanda e comprendere quale futuro realmente si aspettano, desiderano, sognano.

Camminare insieme

Accompagnati dai volontari dell’ufficio di PG di Torino, i ragazzi sono stati divisi in 3 gruppi per età, qui hanno avuto occasione di confrontarsi tra loro, non solo con i soliti amici dell’oratorio di appartenenza, ma anche con altri giovani.
Gli adulti, gli educatori e i parroci hanno invece avuto occasione di confrontarsi con l’arcivescovo, il quale ha auspicato una crescente sinergia tra le parrocchie di Settimo, cercando momenti di incontro e confronto sulla pastorale giovanile, per meglio rispondere ad una sempre più pressante “emergenza educativa”.

Oratorio in uscita

Nosiglia ha anche evidenziato la necessità di essere “oratori in uscita”, cioè che sanno andare incontro ai ragazzi e ai giovanissimi nei loro ambienti di vita. Uscire dalle mura dell’oratorio per portare la buona notizia a coloro che non frequentano i classici spazi degli oratori, riprendendo ciò che già più volte ha indicato anche il papa.

La serata a Settimo è terminata ma il viaggio dell’ufficio di pastorale giovanile e dell’Arcivescovo continua nelle altre unità pastorali della diocesi, un viaggio alla riscoperta degli adolescenti, ragazzi meravigliosi, pieni di domande spesso non espresse o non comprese. Giovanissimi che hanno bisogno di essere ascoltati ma anche di ascoltare quella Parola, come ha consigliato il Vescovo, che è già presente nel proprio cuore e che invita ad accettare quell’incontro con Gesù che non ci lascia mai soli, che non ci abbandona, ma che si fa nostro compagno di viaggio (cfr. Lc 24,13-53).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi